Roberto Baggio, chi sono gli autori dell'assalto in villa: erano in 5, il giallo delle telecamere e il Pallone d'oro in salvo

roberto baggio, chi sono gli autori dell'assalto in villa: erano in 5, il giallo delle telecamere e il pallone d'oro in salvo

Roberto Baggio, chi sono gli autori dell'assalto in villa: erano in 5, il giallo delle telecamere e il Pallone d'oro in salvo

Roberto Baggio, si indaga sulla violenta rapina in villa: la banda di malviventi è nel mirino dei carabinieri che hanno ascoltato ancora l'ex Pallone d'oro per ricostruire quegli attimi terribili in balia dei banditi. Quaranta minuti di terrore, ostaggio in casa propria di cinque banditi che non hanno esitato a picchiarlo per arraffare denaro e gioielli. Un copione già visto in molte villette del ricco Nordest, ma che stavolta ha colpito Roberto Baggio, icona del calcio italiano nel mondo, e la sua famiglia. Teatro della clamorosa incursione dei malviventi è stata la bellissima villa dove il «Divin Codino» abita da 15 anni ad Altavilla Vicentina, sui colli della bassa provincia di Vicenza.

Roberto Baggio rapinato, perché non hanno rubato il Pallone d'Oro e le maglie da calcio. «Non l'hanno riconosciuto»

 

L'episodio è avvenuto mentre Baggio, con i suoi, stava guardando la «sua» nazionale, nella sfortunata prova all'Europeo contro la Spagna. La banda dei cinque, probabilmente persone dell'Est Europa, è penetrata nell'abitazione e ha minacciato la famiglia - Roberto, la moglie Andreina e i figli Valentina, Mattia e Leonardo - pare con l'uso delle armi. L'ex campione avrebbe cercato di fermarli e ne sarebbe scaturita una breve colluttazione, al termine della quale uno dei banditi lo ha colpito in fronte con il calcio di una pistola. Il Pallone d'oro vicentino e i familiari sono stati quindi chiusi in una stanza, mentre i ladri cercavano di arraffare denaro e preziosi.

 

Non è chiaro quanto sia stato il bottino dell'azione

Quando la banda ha abbandonato la casa, Baggio ha sfondato con un calcio la porta della stanzetta e ha chiamato i carabinieri. Sul posto sono intervenuti i militari del Nucleo investigativo provinciale di Vicenza; il campione è stato portato al pronto soccorso dell'ospedale della vicina Arzignano, dove gli sono stati applicati dei punti di sutura alla fronte, poi ha reso delle prima informazioni ai militari. La notizia ha fatto in breve il giro di tutto del mondo che ama e segue Roberto da sempre. Subito sono arrivati i messaggi di solidarietà e vicinanza, da parte di politici e del calcio. Sono iniziati anche gli andirivieni davanti al cancello della villa, è immersa in un grande spazio verde confinante con un bosco, sui colli di Valmarana. Poche volte telecamere, fotografi e curiosi hanno varcato il cancello. Qualche rivista ha pubblicato servizi fotografici sul «buen retiro» del Pallone d'oro 1993, nel quale sono esposti quadri e sculture. Il campione di Caldogno ha qualche volta accolto anche semplici tifosi, per un autografo, una battuta o una fotografia. Famosa anche la Panda con cui scorrazza per la sua proprietà fino in centro ad Altavilla.

 

Baggio e la ricostruzione della rapina in villa

Ieri Baggio ha fatto un altro giro a piedi sul grande terreno, assieme agli investigatori, per verificare la presenza di tracce e ricostruire l'itinerario compiuto dalla banda per arrivare fino all'abitazione; per un paio d'ore è tornato dai carabinieri a Vicenza, per rilasciare altre dichiarazioni. Pare che le telecamere attorno alla villa non fossero in funzione, dopo il fortissimo maltempo degli ultimi giorni. Mentre il Pallone d'oro è in salvo, in quanto non era custodito in casa.

A tifosi, amici e appassionati, infine, Roberto Baggio ha voluto inviare un ringraziamento «per il grande affetto ricevuto. In simili circostanze - ha detto, attraverso il suo manager Vittorio Petrone - può accadere di tutto, e per fortuna la violenza subita ha generato solo alcuni punti di sutura alla mia persona, lividi e molto spavento. Ora rimane da superare la paura», ha concluso. «L'aggressione fulminea, in piena luce - ha spiegato Petrone - non ha consentito l'accensione di tutti i sistemi di sicurezza di cui la villa è dotata. Ora, da quanto accaduto, potenzieremo ulteriormente i sistemi di rilevazione diurna in tutto il perimetro. Quanto successo a Roberto e alla sua famiglia è stato già vissuto da molte altre famiglie - ha ricordato -. Solo quando vieni colpito ti rendi conto di quali ferite lascia un episodio di violenza e di sopraffazione subìto nella tua casa, assieme alla tua famiglia». «Roberto - ha concluso Petrone - mi ha ancora una volta stupito per la lucidità e la forza d'animo espresse immediatamente a ridosso dell'aggressione subita. Sono certo che saprà ancora essere il pilastro a cui tutta la sua famiglia potrà appoggiarsi per lasciarsi alle spalle questa brutale aggressione».

OTHER NEWS

13 minutes ago

Nessun dorma, a Trani la musica illumina l'alba

13 minutes ago

Torna a Parma dal 31 agosto al 20 ottobre Insolito Festival: spettacoli, laboratori e formati inediti per il pubblico adulto e l’infanzia

13 minutes ago

Weekend di musica all’Hana-Bi

38 minutes ago

Ferrari, Charles Leclerc resta ottimista nonostante il botto in Ungheria

38 minutes ago

Wolff sbatte la porta a Newey ma la tiene aperta per Verstappen

38 minutes ago

Stella sulla presunta violazione delle regole da parte della McLaren: 'Una semplice questione che si è aggravata'

38 minutes ago

I lampi nel ritiro con l'Inter possono cambiare il destino di Correa?

1 hour ago

"Sono ancora 30 gradi". Aria condizionata ko. Disagi all’ospedale : "È tutto come prima"

1 hour ago

Lerner, il campo largo delle manette, i giudici al mare: ecco il podio dei peggiori

1 hour ago

Renzi, in preda al suo tatticismo sfrenato, toglie dignità politica al Centro

1 hour ago

Trump, lavoro e immigrati. "Riporterò il sogno Usa"

1 hour ago

Gli scienziati confermano che l'esercizio fisico ha un nuovo beneficio

1 hour ago

La "bomba d'acqua" e poi la frana: automobilisti bloccati in galleria a Livigno

1 hour ago

Pensioni di vecchiaia solo a 70 anni, ecco la proposta che fa paura e perché è necessario approvarla

1 hour ago

Milan, Kiwior vuole solo il Diavolo: no al Bologna per i rossoneri

1 hour ago

Aids, nuovo caso di possibile guarigione da Hiv a Berlino. È il settimo al mondo

1 hour ago

Il bug mondiale gli cancella il volo e Gabbani salva così il concerto

1 hour ago

Con i dolci alpaca a spasso nel bosco

1 hour ago

Magnussen è irremovibile: "Sainz tiene tutto in piedi nel mercato dei piloti".

1 hour ago

Down informatico mondiale. Aeroporti e banche nel caos

1 hour ago

F1. Red Bull e Ferrari, McLaren e Mercedes: chi scende e chi sale nel venerdì torrido in Ungheria

1 hour ago

Ue, la lezione della Meloni sulla von der Leyen: "Avere nemici comuni non vuol dire avere le stesse idee"

1 hour ago

Inter, idea Renan in difesa: costi alti ma Marotta ci prova

1 hour ago

Boeing punta al lancio del gigante 777X nel 2025

1 hour ago

A Procida record di mesoteliomi tra i marittimi a causa dell'amianto

1 hour ago

Colico: al lido di Inganna non si può fare il bagno. Ecco perché

1 hour ago

Giovanardi su Ustica: "Seguire la pista palestinese"

1 hour ago

Google Play, tempo di pulizie: ad agosto eliminate app di "scarsa qualità"

1 hour ago

La rielezione di Ursula, una sconfitta per Meloni

1 hour ago

Camarda è il nostro Lamine Yamal. Il bomber azzurro predestinato con un vero talento da Serie A. Così l’Under 19 può volare alto

1 hour ago

Calciomercato Napoli, l'Everton piomba su Lindstrom: i dettagli dell'offerta

1 hour ago

Il Tar sospende l’abbattimento dell’orsa di Dro

1 hour ago

"Platini? Molto meglio Barbadillo": come andava la freccia peruviana dell'Avellino

2 hrs ago

Magnussen sulla formazione Haas del '25: "Sapevo che era probabile"

2 hrs ago

Milan: offerte dall'Arabia Saudita per Bennacer, ma il problema è la clausola

2 hrs ago

Il pallone, le frasi fatte e le dichiarazioni inutili. ’Io qui per la... tramvia’. Parola di (vero) bomber

2 hrs ago

Unai Simón sarà fuori gioco per un periodo compreso tra i quattro e i cinque mesi

2 hrs ago

Roma casa mia

2 hrs ago

Tragedia sul lungomare . L’ultimo rettilineo di sangue che chiuse l’epoca dei motori

2 hrs ago

Nuvolette di zucchine

ALONGWALKER VIETNAM: Kênh khám phá trải nghiệm của giới trẻ, thế giới du lịch ALONGWALKER INDONESIA: Saluran untuk mengeksplorasi pengalaman para pemuda global