La liquidità non è più gratis per le banche, i risparmiatori rialzano la testa dopo anni di tassi a zero

la liquidità non è più gratis per le banche, i risparmiatori rialzano la testa dopo anni di tassi a zero

Liquidità non più a costo zero, risparmiatori favoriti

[sommario] C’era un tempo in cui la liquidità per le banche scorreva a fiumi e gratis. Anzi, era persino sottocosto grazie alla Banca Centrale Europea (BCE), che la prestava a tassi di interesse negativi. Anni terribili per i risparmiatori, italiani e del resto d’Europa. Conti correnti e deposito senza alcuna remunerazione. Una pernacchia ai sacrifici. Ma la situazione è notevolmente cambiata negli ultimi tempi. A gennaio di quest’anno, in media in Italia un conto deposito offriva lo 0,99% e un conto corrente lo 0,55%. Può sembrare pochissimo, ma il dato diventa molto più interessante per le nuove offerte: 3,83%. E il confronto con due anni prima, quando ancora la BCE teneva i tassi a zero, dice tutto: 0,31% per un conto deposito, 0,02% per un conto corrente. E le nuove offerte allora per un conto vincolato erano allo 0,49%.

Tassi reali sui conti positivi

Sempre a gennaio, l’inflazione italiana era allo 0,8%. Secondo il mercato, si attesterà mediamente intorno all’1% per i prossimi cinque anni. Sperando che queste previsioni si rivelino azzeccate, significa che i risparmiatori oggi avrebbero la possibilità di tornare a proteggere la loro liquidità dalla perdita del potere di acquisto, semplicemente depositandola in banca.

Liquidità da banche a BTp

A far lievitare i tassi sui conti bancari non è stato soltanto e tanto l’aumento del costo del denaro in sé. Nei primi undici mesi dello scorso anno, i risparmiatori hanno spostato quasi 121 miliardi a favore dei titoli di stato. E da dove li hanno presi? I prelievi netti di liquidità presso le banche italiane sono stati nello stesso periodo per 54,6 miliardi. Pur restando alla cifra elevata di 1794 miliardi, il segnale è incontrovertibile. Le banche stanno accusando la concorrenza dello stato e devono cercare di trattenere i clienti alzando i tassi sulle nuove offerte proposte. Questo trend sta sì beneficiando i risparmiatori, ma non sembra destinato a durare a lungo. Per due ragioni fondamentali. La prima è che i rendimenti di mercato sono già in discesa dai massimi toccati in ottobre. Infatti, la BCE dovrebbe entro qualche mese iniziare a tagliare i tassi. Secondariamente, la liquidità a disposizione delle banche continua a risultare decisamente superiore alle erogazioni di prestiti e mutui. Su 100 euro in cassa, gli istituti ne prestano al settore privato non più di 80. Ciò allenta su di loro la pressione per proseguire con l’aumento dei tassi su conti correnti e deposito. Possono permettersi di perdere una fetta della clientela senza subire contraccolpi al proprio “core” business.

“Pacchia” per i risparmiatori verso il capolinea

D’altra parte, i risparmiatori stanno sì approfittando dell’aumento dei tassi, ma al contempo le banche più grandi non figurano tra le offerenti migliori. Pensate che le offerte di Intesa Sanpaolo e Unicredit, che da sole incidono per quasi la metà dei depositi italiani, non rientrano nemmeno tra le migliori 35 soluzioni indicate dai siti di comparazione per entità del tasso proposto. Questo vuol dire anche che le offerte più accattivanti stanno arrivando dalle banche minori. E bisogna anche verificarne il grado di solidità patrimoniale prima di giudicarle effettivamente tali. Una banca può darti il 4% su un conto deposito a 12-24-36 mesi, perché non possiede alternative più economiche per attirare liquidità e magari ne ha un impellente bisogno. In definitiva, dovremmo aspettarci che il meglio sia alle spalle o in corso d’opera, mentre nei prossimi mesi è probabile che i risparmiatori in banca troveranno contratti loro meno favorevoli. D’altra parte hanno iniziato ad arretrare bruscamente i tassi sui mutui a gennaio, il segno che sul fronte dei ricavi le banche hanno raggiunto il picco e, a seguire, accadrà similmente per i tassi passivi. E se ieri il primo giorno di collocamento del BTp Valore 2030 (ISIN: IT0005583478) si è rivelato un successo oltre le due precedenti emissioni, significa che effettivamente in giro di tassi così allettanti tra le offerte delle banche italiane non ve ne siano poi così tante. [email protected]       

L’articolo La liquidità non è più gratis per le banche, i risparmiatori rialzano la testa dopo anni di tassi a zero proviene da Economia – Investireoggi.it.

News Related

OTHER NEWS

Superbonus, come cambierà? Il ruolo delle ESCo

27 novembre 2023 Superbonus, come cambierà? Il ruolo delle ESCo Diverse le novità sul superbonus già approvate dal 1° gennaio 2024. Quali saranno gli ulteriori interventi per il futuro? L’agevolazione ... Read more »

Polmonite nei bimbi, picco contagi in Europa: rischio nuova pandemia? «Batterio pericoloso come un virus»

Polmoniti nei bimbi, picco contagi in Europa: rischio nuova pandemia? «Batterio pericoloso come un virus» Quanto deve preoccupare il boom di infezioni respiratorie e di polmoniti in Cina e i ... Read more »

Un Posto al Sole Anticipazioni 28 novembre 2023: Damiano scatena l'ira di Eugenio!

Un Posto al Sole Anticipazioni 28 novembre 2023: Damiano scatena l’ira di Eugenio! Nella puntata di Un Posto al Sole in onda su Rai3 il 28 novembre 2023, alle ore ... Read more »

Microsoft ha cancellato un gioco di calcio per la prima Xbox: il motivo? Electronic Arts

Microsoft ha cancellato un gioco di calcio per la prima Xbox: il motivo? Electronic Arts Garrett Young, ex sviluppatore Microsoft e veterano dell’industria con oltre 25 anni di esperienza ,è ... Read more »

Catene da neve: guida all’acquisto e all’installazione

Neve e ghiaccio possono rendere in inverno molto impegnative le condizioni delle nostre strade, dotarsi di catene da neve può rivelarsi quindi fondamentale per continuare a muoversi in piena sicurezza, ... Read more »

"Lo ha tradito anche Ilary. Ecco con chi". Corona torna alla carica e parla degli amanti della Blasi

“Lo ha tradito anche Ilary. Ecco con chi”. Corona torna alla carica e parla degli amanti della Blasi Il racconto fatto da Ilary Blasi nel suo docufilm “Unica”? Falso, almeno ... Read more »

Promozione Suzuki Swace, perché conviene e perché no

Promozione Suzuki Swace, perché conviene e perché no Con Solutions NoProblem, sconto di 3.000 euro e tre anni di garanzia, manutenzione e assicurazione furto e incendio Se amate le classiche ... Read more »
Top List in the World